Andare a vivere in Thailandia: una seconda chance?

Andare a vivere in Thailandia: una seconda chance?

L’Italia è universalmente noto come il “Bel Paese”: si vive bene, si mangia come da nessun’altra parte al mondo e si ha un clima davvero piacevole in ogni mese dell’anno. A volte, però, si possono avere delle difficoltà (magari si è perso il lavoro o si è stati segnalati come protestati con l’iscrizione nell’apposito registro) e allora si pensa seriamente a cambiare vita e a darsi una seconda opportunità. Quale posto scegliere, però, per poter vivere bene e il calma?

buddha-1442197-1-mTra i tanti paesi del mondo, una delle mete più gettonate dagli italiani è la Thailandia, dove clima piacevole e costi della vita più bassi possono aiutare a vivere meglio.

Partendo dal clima, da vero “paradiso tropicale”, consideriamo che il meteo del paese può essere diviso in due grandi gruppi: la stagione delle piogge (da maggio a ottobre/novembre/dicembre, a seconda della parte della nazione che si considera) e la stagione secca. All’interno di queste due divisioni, da marzo a maggio ci sono i mesi più caldi dell’anno, con temperature che arrivano fino a 35°. In inverno, ad esempio il mese di dicembre, le minime difficilmente scendono sotto i 20°. Inoltre, le acque hanno delle temperature costanti attorno ai 30°, il che garantisce sempre la possibilità di fare un bagno in mare.

Andando ad affrontare ora il tema dei costi, diciamo che in Thailandia le spese generali sono molto basse. L’affitto di un monolocale si aggira sui 150 euro al mese, mangiare ad un ristorante ha un costo che può andare da 1 euro (ma bisogna ovviamente stare attenti e cosa e dove si mangia) fino a 5 o 6 euro, mentre la benzina per i trasporti ha un costo inferiore a 1 euro a litro: un toccasana per tutti coloro che non riescono più ad arrivare a fine mese in Italia, per non parlare di coloro che sono dovuto ricorrere a prestiti per protestati o hanno visto i propri beni pignorati.

La Thailandia come seconda chance ha la sua attrattiva, clima e costi sono un plus, ma anche le persone (i thailandesi sono molto simpatici e socievoli) ti aiuteranno a sentirti come a casa.